chessknight
Limit Hold'em:
1. Longhand Limit
2. Shorthand Limit
3. Shorthand Av.

No-Limit Hold'em:
1. Introduzione al NL
2. NL avanzato
3. Chi paga
4. Grandezza degli Stack
5. Double Hold'em

Omaha:
1. Introduzione all'Omaha
2. Low Limit Omaha
3. Introduzione al PLO
4. Omaha Hi/Lo

Tornei:
1. Tavolo-Singolo NL
2. NL STTs Avanzato
3. Multi-Tavolo NL

Altre lingue:



Strategia nell'Omaha Hi/Lo
STRATEGIA DEL POKER

I due posti migliori dove giocare No-Limit
Fino a €400 Use Our Link
Gioca i tornei di poker online più ricchi d'Italia
200% fino a €600 tips
Grandi promozioni
L'Omaha Hi/Lo (8 o migliore) è al momento il gioco di poker dividi-piatto più popolare nel mondo. E' importante capire le regole dell'Omaha prima di poter giocare all'Omaha hi/lo. Mentre l'Omaha è molto simile al Texas Hold'em, molti nuovi giocatori di Omaha si confondono con la regola "devono usare due delle carte coperte, e solo due delle carte coperte".

Le regole dell'Omaha Hi/Lo sono le stesse regole dell'Omaha Hi, eccetto che il piatto viene diviso tra la mano più alta e la mano più bassa. La mano più bassa non deve avere una carta più alta dell'8. Se non c'è una mano più bassa legale, il piatto intero va alla mano più alta.

L'obbiettivo nell'Omaha Hi/Lo è quello di prendere l'intero piatto. Altrimenti, vincere metà del piatto è meglio che niente, i grandi profitti in questo gioco arrivano dal vincere il piatto intero. Effettivamente per catturare tutto il piatto, bisogna capire come si faccia a vincere la parte "bassa" del piatto, e capire quali siano le mani migliori di partenza.

Il basso

Per molti giocatori novizi, la parte più confusionaria dell'Omaha Hi/Lo è determinare la mano nut del basso. In questa partita, le scale e i colori non influenzano il basso. Così, la mano migliore possibile del basso è (5432A). Inoltre, è importante ricordare che le mani basse sono contate dal basso verso l'alto. Un giocatore con 8432A (un 8 basso), perderà contro un giocatore con 76543 (un sette basso). Questo sorprende la maggior parte dei giocatori, i quali istintivamente pensano che 8432A vinca poichè possiede l'asso come carta più bassa.



Se non c'è la possibilità di una mano bassa (o se nessuno possiede una mano bassa), allora la persona con la mano più alta vincerà l'intero piatto. Proviamo a vedere alcuni esempi per capire meglio alcune situazioni di mani basse.

Example #1

Ah3cKh5c
Player #1
Qs6s4d2c
Player #2
AcAd3s8h6h
Sul tavolo


Questo è un piatto da dividere. Il giocatore #1 vince la parte alta del piatto con AAA33, e il giocatore #2 vince la parte bassa del piatto con 6432A. In questa situzione, il giocatore #2 ha la mano nut bassa, che significa che nessuno può battere la mano bassa del giocatore #2, al massimo pareggiare. La mano bassa del giocatore #1 è invece 8653A. Il giocatore #1 userà A5 dalla sua mano e 368 dal tavolo (potrebbe anche usare 35 dalla sua mano e A68 dal tavolo).

Example #2

As2sQh8h
Player #1
Jd6d3c2c
Player #2
7s5s4hAcJd
Sul tavolo


Il flop (754) da al giocatore #1 (che possiede A2) la mano low nut. Però, al turn la mano nut low del giocatore #1 viene "contraffatta". Questo è successo dopo che è stato distribuito un asso al turn, che da a tutti i giocatori la possibilità di avere un asso per la mano low. Ora, il giocatore #2 ha 5432A come low, che batte la mano low del giocatore #1 che è 7542A. Quindi in questo esempio, il sogno del giocatore #2 è diventato realtà, e lui prende l'intero piatto.

Example #3

AhKcQdJs
Player #1
KhJh7c2c
Player #2
Ts9d8s5h4c
Sul tavolo


Per prima cosa notate che il flop mette il giocatore #2 in grossi problemi, dopo che ha floppato la seconda scala migliore (con il suo J7). Il giocatore #1 ha floppato invece la scala migliore (con il suo QJ), che lo mette in una buona posizione per vincere un buon piatto contro il giocatore #2.

Comunque, il turn ed il river aiutano il giocatore #2 e gli permettono di vincere metà del piatto alla fine della mano. In concomitanza con le carte sul tavolo 854, il giocatore #2 è stato in grado di fare una mano bassa con il suo 72, in modo da poter vincere parte del piatto. A volte una mano bassa miracolosa è l'unica cosa che può salvare un giocatore dal perdere molto denaro con una brutta mano alta. Questo esempio illustra l'importanza di avere due carte per una mano bassa (cosa che il giocatore #1 non ha con la sua mano abbastanza debole AKQJ).

Example #4

AhAcQdQs
Player #1
Ad2c3c4d
Player #2
KdKcQh5s6h
Sul tavolo


Il giocatore #1 prende il piatto intero con il suo full house (KKQQQ). Non c'è una mano bassa. Ci sono solo due carte basse sul tavolo, quindi è impossibile fare una mano bassa (ricordatevi: dovete sempre usare tre carte del tavolo!). Mentre sembra che il giocatore #2 abbia una splendida mano bassa, in realta non possiede nessuna mano bassa.

Le mani di partenza

Nell'Omaha Hi/Lo, è importante avere una mano di partenza forte. I giocatori hanno bisogno di avere una mano in grado di poter raccimolare l'intero piatto. Questo significa che le mani che funzionano molto bene nell'Omaha Hi (come AKQJ o JT98) perdono molto valore nell'Hi/Lo per colpa della loro incapacità nel formare una mano bassa.

In generale, i giocatori più tight in qualsiasi tavolo di Omaha Hi/Lo sono probabilmente giocatori vincenti. La selezione delle mani di partenza è così basilare che dimostrare pazienza è forse l'unica più importante abilità da avere. Mani che possono tentare ad essere giocate (come A49T) dovrebbero essere lasciate per la loro propensione a non fare una mano nut low.

La migliore mano iniziale nell'Omaha Hi/Lo è AA23 di due semi. Altre mani decisamente giocabili includono (ma non sono limitate a): A234, AAxx, A2xx, A345, A36K, 2345, KQ23. La maggior parte dei giocatori vincenti all'Omaha Hi/Lo sono molto attenti riguardo al numero di mani A3xx che giocano. Questa mano non è poi così bella come sembra, e può spesso portare a perdere alcune puntate dopo aver formato la seconda mano nut low.

E' importante notare l'importanza di un asso nell'Omaha Hi/Lo. Un asso lavora da entrambe le parti del piatto. E' la carta chiave nel fare una mano low nut, ed è anche una carta molto importante da avere nella parte alta del piatto per il suo valore come kicker. Alcuni giocatori molto famosi di poker (per esempio Scotty Nguyen) hanno una teoria che dice che nessuna mano di Omaha Hi/Lo è giocabile se non possiede un asso. Ovviamente questa strategia è un po' estrema. Ma per i nuovi giocatori, potrebbe essere una buona cosa sviluppare l'abitudine di lasciare la maggior parte delle mani che non contengano un asso.

La posizione è così importante nell'Omaha Hi/Lo quanto lo è nel Texas Hold'em. Questo significa che le mani al limite (come JJ24) dovrebbero essere giocate solo in una posizione finale in un piatto non rilanciato.

Consigli per il flop

La maggior parte delle volte, è per un giocatore una decisione scarsa, quella di progettare una mano bassa dopo il flop, senza avere già le migliori quattro carte per una mano bassa. Per esempio, dopo un flop di A5K, uno dovrebbe non progettare una mano bassa a meno che non possieda in mano 23xx. Un mucchio di profitti nell'Omaha Hi/Lo arrivano dal vincere chips da giocatori deboli che progettano delle mani basse non nut. Progettare una mano bassa che non sia la mano bassa nut, è spesso un metodo garantito per perdere nell'Omaha Hi/Lo.

Un altro errore comune che fa perdere nell'Omaha Hi/Lo è progettare una mano bassa runner runner. Per esempio, la maggior parte dei giocatori che possiedono A2xx, entrano nel piatto aspettandosi di fare una mano bassa low. Comunque, se il flop è 8KQ, questi giocatori sperano ora di completare un progetto di mano low per poter vincere metà del piatto. Questi giocatori dovrebbero lasciare se ci sono puntate. E' una brutta mossa quella di progettare volutamente di ottenere due carte per una mano bassa.

Essere Quartered

Essere "quartered" (divisi in quattro), è un concetto chiave nell'Omaha Hi/Lo. Proviamo a vedere un esempio dove un giocatore vince solo un quarto del piatto:

Ah3hKs9s
Player #1
Ac3cTd8d
Player #2
7d4c2hKsJh
Sul tavolo


Notate che entrambi i giocatori hanno usato il loro asso-tre per poter fare la mano bassa nut. Questo significa che il piatto basso è diviso tra i due giocatori. Comunque, per quanto riguarda la parte del piatto alta, il giocatore #1 ha una coppia di re che batte l'asso alto del giocatore #2.

Quindi, il giocatore #1 prende il 50% del piatto facendo la mano più alta, e un aggiuntivo 25% del piatto per aver condiviso la parte bassa del piatto. Il giocatore #1 ha "quartered" il giocatore #2 vincendo il 75% del piatto. "Quartering" un avversario è un ingrediente molto importante per diventare un giocatore vincente all'Omaha Hi/Lo.

Addirittura più importante è l'abilità nel mantenere il piatto piccolo, quando capite che potete essere "quartered". Se siete il giocatore #2 in questo esempio, avete bisogno di capire che potete essere nella situazione di vincere solo il 25% del piatto. Quindi, quando il giocatore #1 punta, non rilanciate e controrilanciate con la vostra mano nut bassa. Chiamate semplicemente.

Prossimo articolo: Tornei No-Limit a Tavolo-Singolo
 


PokerTips Newsletter Sign-Up